Articoli

Fritto di calamari ricetta

Fritto di calamari ricetta

Il fritto di calamari è una ricetta della tradizione culinaria italiana, un classico che ormai è finito in qualsiasi libro di cucina, ma anche sulla maggior parte dei menù di ristoranti con cucina di mare.
Del resto, parliamo di una pietanza amata sopratutto dai più piccoli, che spesso e volentieri non mangiano tantissimo pesce. Invece, preparando questo piatto i genitori riescono a farglielo mangiare.
Le modalità per gustare questi simpatici anellini sono davvero tante, ma in questo articolo vedremo come prepararli friggendoli. E diciamoci la verità, il cibo fritto ha un suo perché, è impossibile rinunciarci (occhio però a non esagerare).
Vi anticipiamo fin da subito che questo piatto va servito come secondo o se preferite come antipasto…

Ingredienti

La quantità di ingredienti selezionata, vi permetterà di preparare 4 porzioni di fritto di calamari con la nostra ricetta. Niente paura se non siete dei maghi ai fornelli, questa pietanza può prepararla davvero chiunque, non presenta nessuna difficoltà particolare. Fate molta attenzione però ai tempi di cottura dei calamari, la forte temperatura dell’olio potrebbe seccarli in un attimo. Non vi distraete!
Inoltre, è anche molto veloce da preparare, occorrono all’incirca 30 minuti.

  • Calamari 800 g
  • Farina 00 200 g
  • Sale fino
PER FRIGGERE
Olio di semi di arachide 1

Per cominciare, occupatevi della pulizia dei calamari: sciacquateli sotto l’acqua corrente e poi separate la testa dal mantello. Dopodiché, eliminate anche la penna di cartilagine all’interno del mantello.
Quindi fate un’altra bella sciacquata ai calamari (possibilmente sempre sotto l’acqua corrente) ed estraete tutte le interiora dal mantello. Infine rimuovete anche la pelle esterna aiutandovi con un coltellino e le pinne.
Adesso tagliate il mantello, facendo dei piccoli anelli ed eliminate il dente dai tentacoli, spingendo verso l’esterno.
Mettete tutto in un colino, in modo da far perdere tutta l’acqua in eccesso ai calamari.

Mettete su un vassoio la farina e disponetela in modo omogeneo, in modo da sistemare tutti i calamari. Poi sul fuoco fate scaldare una padella con l’olio a 170° e cominciate a friggere un paio di anelli alla volta per circa 3/4 minuti. Vi accorgerete che saranno pronti quando diventeranno dorati e croccanti.
Quindi scolateli in una schiumarola e poneteli su un vassoio con carta da forno (in modo da fargli perdere tutto l’olio in eccesso). Per concludere, regolate a vostro piacere con il sale e con un po’ di limone.
Se avete seguito passo passo la nostra ricetta, starete gustando un piatto dal sapore unico!

Conservazione e consigli

Come ben sapete, per ogni ricetta da noi suggerita non mancano mai i nostri consigli finali… Quindi, vi consigliamo di consumare al momento il fritto di calamari preparato con la nostra ricetta, la congelazione non è proprio una buona idea…
Come vi abbiamo detto ad inizio articolo, potete anche pensare di servire questa pietanza come contorno. E quindi, perché non abbinarla a qualche altra cosa? Potete optare per un’insalata mista, per delle patate al forno o se preferite anche per una dadolata di verdure. A voi la scelta…

Paella fatta in casa

Paella fatta in casa

La paella fatta in casa è un piatto di tradizione spagnola che riunisce a tavola i sapori del mare. Infatti, cozze, calamari, gamberi e scampi sono i protagonisti indiscussi di questa specialità.
Tante sono le varianti di questa pietanza, infatti in ogni città della Spagna viene proposta in maniera differente. L’unica certezza è la sangria che accompagna questo piatto e lo impreziosisce. Del resto, le tradizioni vanno rispettate…
E allora…se anche voi amate questo piatto, perché durante un viaggio in Spagna vi ha stregato con il suo sapore, perché non replicarlo a casa?
Scopriamo insieme qual è la ricetta per far gustare a tutta la famiglia la tradizione culinaria spagnola.

Paella fatta in casa, ingredienti

La quantità di ingredienti riportata di seguito vi consentirà di preparare 4 porzioni di paella fatta in casa. Tra cottura e preparazione occorrono all’incirca un’ora e mezzo, quindi assicuratevi un po’ di tempo da dedicare ai fornelli.

Riso Bomba 400 g
Cozze 1 kg
Calamari (da pulire) 500 g
Scampi 8
Gamberi 8
Cipolle 80 g
Aglio 1 spicchio
Fumetto di crostacei 750 g
Passata di pomodoro 200 g
Zafferano (2 bustine) 0,25 g
Paprika dolce 5 g
Peperoncino dolce 1
Olio extravergine d’oliva
Sale fino
Pepe nero

Cominciate col preparare il fumetto di crostacei (un brodo saporito di pesce) e con la pulizia delle cozze: sciacquatele sotto l’acqua corrente e poi pulitele esternamente con una spugnetta. Dopodiché versate un filo d’olio in un tegame e aggiungete le cozze. Fate cuocere a fiamma medio-alta per circa 5 minuti, agitando di tanto in tanto, in modo da farle aprire.
Passati i 5 minuti scolate le cozze in una ciotola sulla quale porrete un colino, in modo da recuperare il liquido di cottura che tornerà utile. Gettate le cozze che non si sono aperte e sgusciate quelle aperte, mettendone qualcuna da parte.

È arrivato il momento di occuparsi dei calamari: eliminate la penna e il ciuffo, sciacquateli bene all’interno ed infine tagliateli a rondelle. Adesso tritate finemente la cipolla, il peperoncino (privatelo dei semi interni) e tagliate in due lo spicchio d’aglio. Mentre per quanto riguarda i gamberi e gli scampi, con delle forbici forateli lungo tutto il ventre.
Mettete sul fuoco una padella bella larga e scaldate un filo d’olio con un spicchio d’aglio. Dopo poco aggiungete anche i gamberi e gli scampi, fateli rosolare a fiamma alta per qualche minutino. Quando saranno cotti metteteli da parte in un piatto.
Nella stessa padella che avete utilizzato per far rosolare i crostacei, mettete una cipolla e il peperoncino. A fiamma bassa fate cuocere.

Ci siamo quasi

Adesso alzate la fiamma e aggiungete anche i calamari, ma dopo qualche minutino rimuovete l’aglio e versate la passata di pomodoro. Infine, versate anche il fumetto che avevate preparato all’inizio, insieme al liquido di cottura delle cozze. Date un tocco di classe con la paprika e lo zafferano e amalgamate bene tutti gli ingredienti.
Quando la padella comincerà a bollire, aggiungete le cozze e il riso. Salate e pepate a vostro piacere, ma senza esagerare. Lasciate cuocere il riso per circa 20 minuti!
Una volta trascorso il tempo, disponete i crostacei sopra il riso, insieme alle cozze.
La paella fatta in casa è pronta per essere gustata!

 

Paccheri con calamari e pomodorini

Paccheri con calamari e pomodorini

I paccheri con calamari e pomodorini è un piatto tipico della tradizione campana e il sapore del mare ne diventa a pieno il protagonista. Inoltre, il sugo di pomodoro e il prezzemolo completano questa splendida cornice tutta naturale. Parliamo infatti di una pietanza sana e genuina, preparata con i sapori della natura.
Vi diciamo fin da subito che il piatto è molto veloce da preparare e non occorre avere moltissima esperienza in cucina, quindi potete provarci davvero tutti.
Se avete ospiti a casa e volete deliziarvi con un bel primo piatto rapido e genuino, questo è l’articolo che fa per voi.

Paccheri con calamari e pomodorini, ingredienti:

La quantità di ingredienti riportata in seguito, è idonea per preparare quattro porzioni di paccheri con calamari e pomodorini. Per quanto riguarda la preparazione occorre giusto una decina di minuti, mentre per la cottura una mezz’ora.

  • Calamari già 500 g
  • Paccheri 320 g
  • Pomodorini ciliegino 200 g
  • Passata di pomodoro 200 g
  • Olio extravergine d’oliva
  • Vino bianco 50 g
  • Peperoncino fresco 1
  • Aglio 3 spicchi
  • Prezzemolo tritato 2 cucchiai
  • Sale fino

Prima di cominciare, ponete una pentola capiente con dell’acqua sul gas, servirà per far cuocere la pasta. Una volta che l’acqua comincerà a bollire, regolatevi a piacere con il sale.
Poi passate alla pulizia dei calamari (separateli dai tentacoli con un coltellino e fate degli anelli da circa 1.5cm) e dei pomodorini. Mettete da parte quest’ultimi. Eliminate anche il picciolo dal peperoncino e fatelo a piccoli pezzi.
Adesso versate un filo d’olio in un tegame, mettetelo sul gas a fiamma bassa e aggiungete gli spicchi d’aglio e il peperoncino che avete fatto a piccoli pezzi. Dopo un po’ versate nella padella anche gli anelli di calamari e fate cuocere per un minuto a fiamma alta, in modo che non si induriscano.
È arrivato il momento di sfumare con del vino bianco e di lasciare evaporare il tutto per qualche minuto. Alla padella unite anche la passata di pomodoro e i pomodorini.

Ancora un altro po’ di pazienza, ci siamo quasi

Con un bel cucchiaio in legno girate tutti ingredienti e fateli amalgamare tra di loro. A fuoco basso, quindi, lasciate cuocere per altri cinque minuti, in modo che gli ingredienti in padella sprigionino tutta la loro essenza.
Nel frattempo l’acqua della pentola avrà raggiunto la temperatura idonea per calare la pasta: quindi tuffate i paccheri! Cercate di scolarli ancora al dente e versateli all’interno della padella insieme agli altri ingredienti. Tenete da parte un po’ d’acqua di cottura e versatene un po’ alla volta nella padella, in modo da risottare la pasta.
Nel frattempo, tagliate in modo sottile il prezzemolo e date una bella spolverata in padella.
Ci siamo: i vostri paccheri con calamari e pomodorini sono pronti per essere gustati!
Nel caso in cui dovesse avanzare un po’ di pasta, potete conservarla in frigo all’interno di un contenitore di vetro, sigillato con una pellicola per massimo un giorno. Non di più!
Ma se avete seguito attentamente la nostra ricetta, difficilmente avanzerà qualcosa, questo piatto farà leccare i baffi a tutti!