granita al limone fatta in casa

Granita al limone fatta in casa

La granita al limone fatta in casa è uno degli sfizi a cui è impossibile rinunciare in estate, specialmente dopo i pasti. La sua freschezza e leggerezza sono un mix perfetto per combattere il caldo afoso e dissetarsi. Ovviamente, oltre a poter essere servita dopo i pasti come dolce, può essere anche proposta come aperitivo con gli amici.
Inoltre, parliamo di una ricetta quasi a costo zero e rapida da preparare.
La ricetta è molto semplice da preparare, non occorre nessuna esperienza pregressa in cucina. E allora seguite attentamente le nostre indicazioni per ottenere una granita dal gusto strepitoso!

Granita al limone fatta in casa, ingredienti

Se non vedete l’ora di dissetare la vostra bocca, mettetevi a portata di mano gli ingredienti necessari per preparare la granita al limone fatta in casa:

Succo di limone 500 ml
Acqua 500 ml
Zucchero 250 g

Per cominciare, versate l’acqua all’interno di una pentola e fatela bollire. Poi aggiungete lo zucchero all’acqua. Una volta che lo zucchero si scioglie del tutto e il liquido diventa trasparente, spegnete il fuoco e fate raffreddare lo sciroppo che si sarà creato.
Nel frattempo, tagliate i limoni a metà e spremeteli. Occhio alla quantità del succo, dovrete ottenerne 500ml. Adesso unitelo allo sciroppo (che sarà diventato abbastanza freddo) e mescolate attentamente.
È arrivato il momento di mettere la granita in un contenitore e di farla riposare nel freezer per circa trenta minuti.
Una volta terminati i trenta minuti, impastate la granita con una un cucchiaio, andando a rompere il ghiaccio che si sarà formato.
Ripetete la stessa operazione altre due volte ogni trenta minuti. Dopodiché la vostra granita al limone sarà pronta per deliziarvi e per rendervi meno afosa la giornata.

La particolarità della granita è che può essere conservata nel freezer anche per due settimane, non dovrete quindi prepararla tutte le volte che la desidererete

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *